Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento ne acconsenti l'uso.

Approvo

Blog

Chiesta deroga per immissione trota e lavarello nelle acque lombarde

Una deroga riguardante Coregone Lavarello, Trota Fario, salmerino alpino e iridea alla direttiva ministeriale che prevede lo stop all’immissione nelle acque regionali lombarde di diverse specie considerate alloctone, ma che di fatto sono presenti da oltre un secolo in Lombardia e rappresentano un elemento fondante della pesca lombarda. È quello che chiede la Regione Lombardia attraverso una lettera scritta dall'assessore all'Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi Fabio Rolfi al ministro della Transizione ecologica.

“La pesca professionale lombarda conta circa 150 imprese e genera un indotto di alcuni milioni di euro. Il prelievo di Coregone Lavarello rappresenta la quota maggiore del pescato professionale dei laghi lombardi: l'interruzione delle immissioni causerebbe danni irreparabili a un comparto già in difficoltà e a tutto l'indotto del commercio e della ristorazione. La riproduzione naturale infatti non è in grado di soddisfare le esigenze di mercato e per questo la Regione da anni sostiene il settore con importanti immissioni di questa specie attraverso incubatoi di proprietà e gestione pubblica” ha detto Rolfi, che questo pomeriggio in videoconferenza ha incontrato i rappresentanti delle associazioni di categoria.

“Da oltre un secolo la pesca dilettantistica nelle acque dei torrenti montani lombardi, che coinvolge decine di migliaia di appassionati, si alimenta di immissioni di Trota Fario, che avvengono in quasi tutti gli innumerevoli torrenti alpini di Lombardia, con esemplari prodotti in oltre venti impianti ittiogenici di proprietà e gestione pubblica e privata” ha proseguito

“Per questo sono necessarie deroghe alla direttiva per le specie già da lungo tempo presenti nelle nostre acque. Il Coregone Lavarello è in Lombardia da oltre un secolo e la Trota Fario che è di ceppo mediterraneo dovrebbe addirittura essere ritenuta autoctona. È necessario inoltre, anche in attesa di valutazione di queste richieste, prevedere un periodo di transizione adeguato all’applicazione della norma, altrimenti il sistema gestionale della pesca lombarda si troverebbe in condizioni di illegittimità senza aver avuto il tempo necessario per adeguarsi. Va ripensata una impostazione sul tema che è eccessivamente ideologica da parte del ministero dell’Ambiente. È a rischio tutto un sistema sportivo, professionale, produttivo e turistico che vive intorno alla pesca, in un momento storico in cui le imprese vanno sostenute e non soffocate di burocrazia” conclude.


© 2021 Fabio Rolfi Official Site
Joomla Extensions