Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento ne acconsenti l'uso.

Approvo

Blog

Il parco agricolo sud Milano deve rimanere a connotazione agricola. No a nuovi vincoli

"Una decisione che ha diviso e che deve essere rivalutata. Penso che questa scelta sia dannosa per una delle aree rurali più importanti della regione. L'agricoltura è l'essenza di questo parco, visto che è stato istituito proprio per la sua natura rurale che funge da cintura all'urbanizzazione della città". Lo ha detto l'assessore regionale lombardo all'Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, Fabio Rolfi, in merito alla decisione del Comitato tecnico agricolo del Parco Agricolo Sud Milano che con 5 voti a favore e 4 contrari si è espresso sulla trasformazione in aree naturali di quasi 9.000 ettari del Parco, gran parte dei quali coltivati.

"Saranno coinvolte e inevitabilmente impattate - ha aggiunto - circa 200 aziende. Le aree naturali sono, volenti o nolenti, un vincolo per l'attività degli agricoltori che stanno già facendo tutto quanto possibile in termini di sostenibilità ambientale e che non possono perdere mercato a causa di limiti e imposizioni non compatibili con l'attività economica".

"Auspico da parte della governance del Parco - ha spiegato l'assessore - la disponibilità ad ascoltare di più chi lavora la terra producendo cibo sicuro e di qualità per i cittadini milanesi. Parliamo peraltro di una agricoltura già sostenibile, multifunzionale, innovativa. Gli agricoltori sono i protagonisti del mantenimento ambientale e paesaggistico del Parco".

"L'auspicio - ha aggiunto - è che ci sia la volontà da parte di tutti di arrivare a una mediazione e a una nuova valutazione di quanto deliberato anche alla luce delle preoccupazioni e delle proteste in atto da parte degli agricoltori. In tal senso la Regione Lombardia esaminerà con molta attenzione richieste e istanze che perverranno, con l'obiettivo di valorizzare e non punire l'attività agricola e l'attività venatoria, questa oggi più che mai necessaria per contenere la fauna selvatica".

"Notiamo - ha concluso l'assessore Rolfi - un insolito silenzio da parte del Comune di Milano. Chiediamo anche all'ente comunale di esprimere un parere chiaro, visto che è soggetto protagonista del Parco agricolo". (LNews)


© 2020 Fabio Rolfi Official Site
Joomla Extensions