Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento ne acconsenti l'uso.

Approvo

Blog

No alla carne sintetica. Europarlamentari italiani si schierino contro questo scempio

“I composti di cocco colorati con la barbabietola non sono hamburger: la carne è carne, i prodotti vegetali sono prodotti vegetali e il cibo da laboratorio è cibo da laboratorio. Basta giocare con le parole per ingannare i cittadini. Al Parlamento europeo si discuterà una proposta che di fatto è un attacco frontale alla zootecnia italiana e lombarda in particolare. Dobbiamo difendere il lavoro dei nostri allevatori e dei consumatori che hanno diritto a non essere ingannati con proposte di prodotti che, usando terminologia ingannevole, vengono presentati come derivati da carne sostenibile essendo invece tutt’altro. Invito gli europarlamentari lombardi a schierarsi compatti contro questo scempio e il governo italiano a far sentire la propria voce in sede europea”. Lo ha detto l’assessore regionale lombardo all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi Fabio Rolfi in merito alla discussione, al momento prevista per domani, che si svolgerà in sede di Parlamento europeo sull’estensione della denominazione di carne anche a prodotti di origine non animale.

“Alcune grandi multinazionali vorrebbero spacciare il cibo da laboratorio come sostitutivo dei nostri prodotti zootecnici. La politica non può piegarsi a questi interessi. In Lombardia abbiamo il 25% dei bovini italiani, il 40% dei vitelli e il 53% dei suini. Il cibo sintetico non ha lo stesso valore nutritivo della carne italiana che è un alimento sano e controllato. L’Italia fa scuola nel mondo in materia di sicurezza alimentare ed è necessario respingere questo ennesimo attacco a un settore che è portabandiera del nostro Paese. La Regione Lombardia è disposta a collaborare a tutti i livelli per fare squadra. Il sistema Italia deve finalmente marciare unito per respingere questo ennesimo attacco frutto del combinato disposto tra ideologia animalista e interessi delle multinazionali del food” conclude Rolfi.


© 2020 Fabio Rolfi Official Site
Joomla Extensions