Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento ne acconsenti l'uso.

Approvo

Blog

Regione Lombardia riconosce apicoltura come attività essenziale per conservazione dell'ambiente

La Lombardia riconosce per legge l'apicoltura come attività agricola fondamentale per la conservazione dell'ambiente, finalizzata a garantire l'impollinazione naturale necessaria per la conservazione della biodiversità degli ecosistemi e per garantire le produzioni agricole e forestali". Lo ha detto l'assessore all'Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi della Regione Lombardia, Fabio Rolfi, in merito alle modifiche normative apportate in materia di apicoltura.

"Da oggi - ha aggiunto l'assessore - diventa anche istituzionale l'impegno a sostenere la salvaguardia delle specie di api autoctone tipiche, il miglioramento delle altre razze allevate, lo sviluppo, la promozione e la valorizzazione dei prodotti dell'apicoltura". "Abbiamo inserito in legge - ha continuato Rolfi - anche l'istituzione del Tavolo apistico regionale, che avevamo già riunito informalmente in un paio di occasioni e che serve per una visione globale del settore. Avevamo preso un impegno e l'abbiamo mantenuto, ora è tempo di ulteriore lavoro perché la raccolta di miele anche quest'anno è sotto la media del 20%".

"Il testo - ha sottolineato l'assessore - è stato arricchito anche da proposte dei consiglieri regionali sull'impegno a promuovere in termini di didattici l'importanza dell'apicoltura e l'impegno a piantumare essenze pro api negli interventi di forestazione".

"Difendere le api - ha spiegato l'assessore - significa difendere l'agricoltura e l'agroalimentare. Il 75% del cibo è frutto del loro lavoro di impollinazione e senza api non avremmo circa il 60% di frutta e verdura, così come migliaia di piante da fiore". "In Lombardia - ha denunciato - importiamo troppo miele: 4.700 tonnellate all'anno per un valore di 15 milioni di euro circa. Soprattutto dai Paesi dell'Est Europa e dalla Cina da cui arriva miele sintetico". "Abbiamo circa il 12% della produzione nazionale - ha concluso l'assessore Rolfi - e intendiamo tutelare i 6.000 apicoltori lombardi che stanno combattendo contro i cambiamenti climatici e contro i prezzi di mercato di prodotti esteri". (LNews)


© 2020 Fabio Rolfi Official Site
Joomla Extensions