Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento ne acconsenti l'uso.

Approvo

Blog

Al via le fiere zootecniche internazionali di Cremona. Regione Lombardia protagonista

Al via oggi, e fino al 26 ottobre a CremonaFiere la nuova edizione delle Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona 2019, l’unica manifestazione internazionale italiana punto di riferimento per l’intero settore. L’appuntamento raduna anche quest’anno nei padiglioni di CremonaFiere,  700 dei migliori marchi internazionali.

Le Fiere Zootecniche di Cremona si trovano al centro del sistema agro-zootecnico più importante d’Europa, in grado di produrre il 23% dei bovini da latte italiani e il 44% del latte italiano, la cui produttività in ambito agroindustriale ha raggiunto il valore di 12,3 miliardi di euro (13% del totale italiano). All' evento di apertura ha partecipato Fabio Rolfi, assessore di Regione Lombardia all'Agricoltura, Alimentazione, e Sistemi Verdi.

SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE- "L'impegno di Regione Lombardia sul tema agricolo è su due fronti" ha esordito Rolfi. " Il primo è raccontare gli sforzi di un comparto che la sfida sulla sostenibilità ambientale l'ha già vinta da tempo. Parliamo di aziende che hanno fatto passi da gigante sui temi del benessere animale, sulla gestione delle deiezioni abbiamo infatti in Lombardia oltre il 40%  di tutti gli impianti di biogas esistenti in Italia e siamo proiettati nel campo della produzione del bioetanolo. Insomma produciamo  energia green dai rifiuti molto prima di altri comparti e regioni".

PRODUZIONE ECONOMICA - "Il secondo fronte è sicuramente quello della produzione economica che è centrale. La zootecnia, i prosciutti, la carne il latte e i suoi derivati sono il cuore dell'export italiano , il cuore dei prodotti copiati all'estero, questi meritano attenzione e investimenti. Per questa ragione- ha spiegato l'assessore lombardo - nella prossima programmazione del piano di sviluppo rurale, noi proporremo, con forza, che venga costruito un piano di settore nazionale in materia zootecnica.  Questo significa mettere al centro dei futuri investimenti le politiche nel settore principale dell'export agroalimentare italiano".

SERVE INNOVAZIONE - "Altro tema affrontato da Rolfi è quello dell'innovazione applicata nel comparto agricolo. " La sfida per garantire sostenibilità- ha spiegato - passa attraverso l'innovazione perché consente di coniugare sostenibilità alla redditività delle imprese. Faccio l'esempio della zootecnica di precisione, all'utilizzo della sensoristica per capire il benessere animale, per valutare la redditività dello stesso. E ancora: la robotizzazione delle stalle per la mungitura per consentire, anche in questo caso, più benessere e più sicurezza nella produzione di latte. Siamo la regione più robotizzata d'Italia per quanto riguarda le stalle. Senza scordarci poi il tema dell'utilizzo intelligente dei reflui anche che consentono maggiore fertilità del suolo, riducendo l'uso della chimica. Insomma - ha concluso Rolfi - ci sono tante frontiere; l'importante  è che la politica nazionale e comunitaria ci aiutino a continuare a sostenere in maniera virtuosa un comparto così importante".

PER IL MADE IN ITALY. Nell’ampio programma disponibile si terrà infatti l'evento L’arte della filiera del latte made in Italy, che sarà inserito nella campagna #IoStoColMadeInItaly promossa dalla Presidenza della XIII Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati. 


© 2019 Fabio Rolfi Official Site
Joomla Extensions