Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento ne acconsenti l'uso.

Approvo

Blog

Lombardia prima regione per attività di ristorazione. Rilanciare connubio con i vini lombardi

 

 

In provincia di Milano oltre 18 mila attività. Sul podio regionale anche le province di Brescia e Bergamo

 

Verona, 9 aprile 2019 - Boom della ristorazione a Milano. Nell’ultimo decennio nel capoluogo lombardo il numero di imprese attive nel settore servizi e ristorazione è infatti cresciuto del 30%, arrivando a superare quota 18 mila nel corso del 2018.
Secondo i dati di Infocamere - Registro Imprese Camere di Commercio, elaborati dall’Ufficio Studi di Unioncamere Lombardia in occasione di Vinitaly 2019, oltre un’impresa su tre tra quelle attive in Lombardia ha sede a Milano e provincia. Tra ristoranti, enoteche, pub, birrerie, caffetterie e food truck, sotto la Madonnina si trovano complessivamente 18.254 attività. Nel 2009 erano 14.044.
Il settore che ha registrato la crescita maggiore è quello che comprende ristoranti e ristorazione mobile, che fatto segnare un +62% nell’ultimo decennio, con 9.412 attività censite nel 2018 rispetto alle 5.809 del 2009. Più contenuta la crescita di enoteche, birrerie, caffetterie e pub, comunque in incremento del 7,6% rispetto al 2009, per un totale di 8.449 realtà attive.
Sul podio lombardo delle province con maggior numero di attività nel settore servizi e ristorazione anche Brescia (7.150 attività, in crescita del 4,2% rispetto al 2009) e Bergamo (5.423 attività, in crescita del 12,5%). Seguono Varese (3.966 attività, in crescita del 5,7%), Monza e Brianza (3.376, in crescita del 28,7%), Como (2.947 attività, in crescita del 7,8%), Mantova (1.941, in crescita del 6,6%), Cremona (1.745 attività, in crescita del 5,7%), Lecco (1.446 attività, in crescita del 6,1%), Sondrio (1.106, in diminuzione del 3,5%) e Lodi (964, in crescita dell’11,9%).
La Lombardia, con un totale di 51.183 attività, in crescita del 15,4% rispetto al 2009, è prima regione in Italia davanti a Lazio (37.578) e Campania (32.883).

“Voglio rilanciare il connubio tra ristorazione e settore vinicolo - ha detto l'assessore regionale all'Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi Fabio Rolfi - Lavorerò affinché nelle carte dei vini dei ristoranti della Lombardia i vini lombardi siano protagonisti e per promuovere i nostri servizi di ristorazione come ambasciatori delle nostre bollicine. La Lombardia produce ormai un’ampia gamma di vini dalla qualità straordinaria.È tempo di promuovere queste eccellenze anche attraverso le attività commerciali”.

“Questo trend è in linea con quello dei Paesi più avanzati e rappresenta un recupero dell’Italia rispetto a tendenze alimentari consolidate nei Paesi più all’avanguardia.È pertanto prevedibile che il trend si consoliderà ulteriormente nei prossimi anni, anche per l’impatto delle tecnologie informatiche che facilitano l’acquisto e il pagamento dando certezza a entrambe le parti”, commenta il presidente di Unioncamere Lombardia, Gian Domenico Auricchio. “Nel comparto vitivinicolo il fenomeno si sta sviluppando sempre di più con app dedicate alla scelta di acquisto che garantiscono la consegna in tempi e modalità ottimali (spumante fresco e vino a temperatura corretta), lasciando intuire un progressivo spostamento di parte degli acquisti dal punto vendita al canale telematico last minute”.


Joomla Extensions