Fabio Rolfi

28
Giu2017

 


Fabio Rolfi: Rilanciare e rafforzare comunicazione istituzionale contro la droga

 

Milano, 27 giugno - Via libera, con il voto favorevole del gruppo Lega Nord, al progetto di legge presentato dal consigliere De Corato per istituire una giornata regionale per la lotta alle droghe.

"La tossicodipendenza non è problema del passato ma si tratta purtroppo di una questione sempre più attuale legata all’ampia diffusione di ogni tipo di droga nonché alla legittimazione della cultura dello sballo" ha esordito Fabio Rolfi, Presidente della III Commissione Sanità al Pirellone.

"Per queste ragioni - ha proseguito Rolfi - ho voluto incardinare in commissione la rapida approvazione di questo Progetto di Legge, affinché sia chiara l'azione di Regione Lombardia in direzione ostinata a contraria rispetto a chi sostiene con banalità tesi legalizzatrici. Accanto al potenziamento delle attività istituzionali di diagnosi, presa in carico e cura, nella logica dell'approccio terapeutico per il recupero della persona tossicodipendente, favorendo sempre più l'accesso precoce ai servizi, serve anche rilanciare con forza e chiarezza un impegno istituzionale insieme al mondo della scuola per comunicare la pericolosità della droga, un messaggio che negli ultimi anni è stato indebolito dalla campagne pro legalizzazione secondo le quali certe droghe non farebbero male ed andrebbero sdoganate dall'elenco delle sostanze illecite. Occorre contrastare questa falsa e pericolosa credenza, ribadire che la droga fa male e promuovere la prevenzione, gli stili di vita corretti, la testimonianza  diffusa delle conseguenze della droga attraverso anche il coinvolgimento dell'articolata rete delle comunità terapeutiche esistenti sul territorio lombardo. Questo è il senso di questa giornata in cui, d'ora in avanti, Regione Lombardia interverrà diffusamente sul territorio con iniziative di informazione, sensibilizzazione e prevenzione"

28
Giu2017

 

 

Fabio Rolfi: “riconoscere clownterapia, sostenerne diffusione e formazione

Milano, 27 giugno. Approvata oggi dal Consiglio regionale risoluzione della terza commissione su promozione della ‘clownterapia’. Nel merito è intervenuto il Presidente della Commissione Sanità e Politiche sociali del Pirellone, Fabio Rolfi.

“L’Aula del Pirellone – spiega Fabio Rolfi – ha approvato oggi questa risoluzione che punta a valorizzare l’utilizzo della clowterapia negli ospedali lombardi, oltre che a promuovere percorsi di formazione per queste figure. Al pari della ‘pet therapy’ anche la clownterapia ha una funzione importante di sostegno alle terapie mediche tradizionali. È comprovato infatti come un atteggiamento ottimistico possa essere di grande aiuto: sorridere serve ad affrontare meglio stress e paura dovuti a lunghe degenze o al dover combattere malattie particolarmente difficili.

Ciò vale certamente per quanto riguarda l’ambito pediatrico, ma non solo, perché anche gli adulti, specialmente gli anziani possono trarre beneficio dalla clownterapia.

Non bisogna commettere l’errore di pensare che si tratti di qualcosa di secondario perché ogni attività che può portare giovamento a coloro che soffrono, soprattutto se bambini, merita sostegno e rispetto da parte delle istituzioni.

La risoluzione prevede il riconoscimento di questa attività attraverso la creazione di un registro delle associazioni che la praticano, nonché l'individuazione di un percorso specifico di formazione condiviso, affinché venga valorizzata la competenza in un ambito delicato. 

Non ci si improvvisa clown di corsia, data la difficoltà anche emotiva del contesto in cui si opera, ragion per cui serve un provvedimento regionale in questo senso. Si tratta di un atto doveroso – conclude Rolfi – verso centinaia di volontari che operano negli ospedali lombardi.”

28
Giu2017

 

Fabio Rolfi: Inaccettabile che Salò non abbia area per elisoccorso.

Presentata interrogazione al Pirellone

 

Milano, 14 giugno. Presentata interrogazione in Consiglio regionale recante circa l’assenza di un centro attrezzato per l’atterraggio dell’elisoccorso sul territorio del Comune di Salò (BS).” Nel merito è intervenuto il firmatario e Presidente della Commissione Sanità e Politiche sociali del Pirellone, Fabio Rolfi.

“Lunedì 12 giugno – spiega Rolfi – a seguito di quello che parrebbe un incidente domestico nel quartiere ‘delle Rive’ nel centro storico di Salò, un bambino di soli venti mesi, ha riportato ustioni diffuse sul volto e sul torace ed è stato successivamente trasportato d’urgenza con l’elicottero, atterrato a 4 km di distanza in località Pratomaggiore, presso l’ospedale di Verona.

Stando a quanto riportato dalla stampa, sembrerebbe che l’individuazione dell’area per l’atterraggio dell’elicottero sia variabile in relazione alle scelte adottate dal pilota nel corso dell’operazione di soccorso. In questo senso, questa modalità di azione, potrebbe causare un aumento delle tempistiche, con conseguenze pericolose. Inoltre l’assenza di un’area attrezzata a Salò potrebbe comportare l’impossibilità di atterraggio per l’elicottero qualora il servizio dovesse essere attivato in notturna, o comunque in situazioni di scarsa visibilità. Si tratta di una situazione inaccettabile, specialmente considerando che non si tratta di un centro minore, ma di una città con forte vocazione turistica.

Per questo motivo ho presentato un’interrogazione all’Assessore competente perché si attivi presso il Comune di Salò per verificare se risultino disponibili spazi attrezzati o attrezzabili per l’atterraggio dell’elisoccorso e se, in considerazione della considerevole presenza turistica estiva, non si ritenga opportuno intervenire al fine di individuarli in tempi rapidi.”

28
Giu2017

 

Rolfi: lotta alla droga è priorità politica di regione Lombardia

Milano, 14 giugno 2017 – Via libera a maggioranza in “Commissione Sanità e assistenza” all’istituzione e al riconoscimento della Giornata regionale per la lotta alla tossicodipendenza, che a livello mondiale e nazionale viene già celebrata il giorno 26 giugno. Primi firmatari della proposta di legge sono i Consiglieri Riccardo De Corato e Francesco Dotti (Fratelli d’Italia), ai quali si è successivamente aggiunta Lara Magoni (Lista Maroni). La data in cui tale giornata sarà celebrata in Lombardia sarà decisa dall’Aula nella seduta di martedì 27 giugno, quando questo progetto di legge sarà sottoposto all’approvazione definitiva del Consiglio regionale: come sottolineato dal relatore Riccardo De Corato, la data del 26 giugno cade fuori dall’anno scolastico, mentre è obiettivo del progetto di legge sensibilizzare e coinvolgere direttamente le scuole nelle iniziative legate alla Giornata regionale.
E’ un provvedimento rivolto a giovani e famiglie –ha sottolineato il presidente della Commissione Sanità Fabio Rolfi (Lega Nord)- e che intende promuovere iniziative concrete di sensibilizzazione e di prevenzione contro ogni forma di droga e di sballo con il coinvolgimento diretto dei Comuni e degli istituti scolastici. Fondamentale sarà utilizzare al meglio i social network, affinchè il messaggio arrivi in modo efficace ai giovani. Oggi – ha concluso Rolfi- serve una forte campagna contro la droga che deve essere promossa a tutti i livelli istituzionali, perché la tossicodipendenza resta purtroppo una piaga più che mai attuale e un problema ancora molto diffuso”.
Uno studio condotto dal Journal of Neuroscience ha evidenziato come la definizione e la catalogazione di alcune droghe come “leggere”, tra le quali la cannabis, crea una distorsione nel messaggio che viene trasmesso ai giovani, incentivandoli a farne consumo e inducendo in loro il concetto che l’uso di queste sostanze stupefacenti non comporti particolari disturbi. Gli studi più recenti dimostrerebbero invece che i giovani che fumano la cannabis sono maggiormente esposti a danni significativi al cervello nelle aree legate alla motivazione e all’emozione. “Il  messaggio della Giornata deve essere chiaro, tutte le droghe fanno male, senza alcun distinguo –ha detto il relatore Riccardo De Corato-. Il dramma che vivono oggi molti giovani e le loro famiglie merita una attenzione particolare e dimostra come ci sia bisogno di un messaggio più forte e chiaro sui danni provocati dal consumo di droghe”.

Voto di astensione è stata annunciato da Carlo Borghetti (PD), che ha evidenziato come “il nostro gruppo è sicuramente favorevole ad ogni iniziativa contro la tossicodipendenza, soprattutto in ambito educativo e formativo, ma essendoci già una giornata mondiale e nazionale appositamente dedicata, l’istituzione di un’ulteriore giornata regionale ci pare inutile e può creare confusione”.
Contrario il M5Stelle: “Siamo d’accordo sulla necessità di potenziare la prevenzione contro la tossicodipendenza soprattutto tra i più giovani  -ha detto Paola Macchi- ma per fare questo non serve istituire una giornata all’interno del calendario annuale, quanto piuttosto incentivare e aumentare le risorse economiche e gli strumenti già esistenti e indirizzati a questo scopo”.

28
Giu2017


i consigli dei medici per prevenire e curare tumori, infezioni e infertilità

Milano, 13 giugno 2017 – Tanti problemi quotidiani si possono risolvere con semplici visite di controllo. La prevenzione che farebbe bene a migliaia di cittadini di lombardi e che, allo stesso tempo, consentirebbe di contenere la spesa sanitaria regionale necessaria per curare le conseguenti patologie.

Questo il messaggio che la Commissione Sanità, presieduta da Fabio Rolfi, ha voluto lanciare oggi, promuovendo, con il sostegno dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio, una giornata di informazione e sensibilizzazione  in campo uro-andrologico. Per tutto il giorno i dipendenti di Palazzo Pirelli e della Regione hanno potuto con i medici della Società Italiana di Urologia Territoriale (Siut), della Società Italiana di Andrologia e Medicina della Sessualità (Siams) e della Società italiana di Riproduzione umana (Siru).

La Lombardia sostiene la prevenzione in tutti i campi e il Consiglio regionale si mette in gioco in prima persona – spiega il presidente Rolfi – I nostri ambulatori sono già stati al centro di iniziative su tiroide, diabete, problemi cardio-vascolari, e oggi siamo qui per sensibilizzare i cittadini lombardi sull’importanza dei controlli, troppo spesso trascurati, in campo uro-andrologico. Lo facciamo in primo luogo per tutelare il benessere e la salute dei lombardi, senza però dimenticare che la prevenzione comporta un importante risparmio nella spesa sanitaria”.

La prevenzione rappresenta un presupposto essenziale nella diagnosi precoce e nelle cura delle principali patologie genito-urinarie – spiega la dottoressa Rossella Radice, della Asst Lariana – In particolare infertilità, neoplasie, alterazioni ormonali, problematiche legate all’incontinenza, se diagnosticate tempestivamente, possono essere gestite in modo corretto, con un miglioramento della vita del paziente. No va sottovalutato che certe problematiche minano pesantemente il benessere sessuale della coppia e, con questo, il rapporto nel suo complesso. Un ultimo dato non va trascurato: in Italia si registrano circa 50mila casi di tumori ai testicoli, un fenomeno in preoccupante crescita e sui cui pesa sicuramente la mancanza di controlli che un tempo venivano fatti in occasione del servizio di leva”.

E’ inoltre importante ricordare che la salute sessuale va di pari passo col benessere generale. Patologie cardiovascolari, ipertensione e diabete sono le tre condizioni cliniche più frequentemente correlate alla disfunzione erettile (ossia l’impotenza). E’ infatti dimostrato che la disfunzione erettile può precedere di 3 anni un evento cardiovascolare; ciò che accomuna le due condizioni è l’aterosclerosi dei vasi. In questo senso la prevenzione è fondamentale: uno sano stile di vita che preveda astensione dal fumo, attività fisica costante e una dieta corretta (ad esempio quella mediterranea) permettono di preservare lo stato vascolare e quindi sia la funzione sessuale che quella cardiaca”, aggiunge il dottor Alessandro Pizzocaro, andrologo ed endocrinologo dell’Istituto clinico Humanitas. “Una corretta campagna di prevenzione sarebbe in grado di evitare  il ricorso alla fecondazione assistita ad un numero non trascurabile di coppie. Alcune patologie responsabili di infertilità possono essere intercettate o prevenute già nel grembo materno o nei primi anni di vita”, conclude Mirco Castiglioni, urologo e andrologo dell’Asst Pini-Cto di Milano.

Pagina 1 di 25

Contatti e social

  • Segreteria provinciale Lega Nord Brescia Via Cefalonia, 43

Fabio Rolfi

Nato a Brescia nel 1977 e residente a Brescia, è laureato in Economia. Svolge attività di consulente finanziario e attualmente è vice capogruppo Lega Nord Lega Lombarda in Regione Lombardia e da maggio 2016 Presidente della Commissione Sanità e politiche sociali.
leggi tutto