Fabio Rolfi

Sei qui: Home \ Archivio Sicuezza \ Rolfi: “Stop discariche a Montichiari e introdurre in Lombardia l’Indice di Saturazione”
31
Ott2013

Rolfi: “Stop discariche a Montichiari e introdurre in Lombardia l’Indice di Saturazione” In evidenza

Si è svolta stamattina a Palazzo Pirelli l’audizione in VI Commissione regionale Ambiente dei rappresentanti del Comune di Montichiari sul tema dello smaltimento dei rifiuti. L’audizione ha avuto luogo su  richiesta dal vicecapogruppo della Lega Nord, Fabio Rolfi.

“Oggi i rappresentanti del Comune di Montichiari – ha affermato Rolfi – hanno evidenziato con estrema chiarezza e precisione la singolare situazione riguardante il loro territorio causata da una proliferazione di discariche che non ha eguali in tutta la Lombardia. Una questione che è balzata ai cosiddetti “onori” delle cronache nazionali con la vicenda del sindaco Zanola, ingiustamente incarcerata per aver cercato di tutelare la comunità che rappresenta. Ho chiesto e ottenuto l’audizione del Comune di Montichiari proprio perché si tratta di un caso emblematico di pessima programmazione ambientale che non deve essere più ripetuto nella nostra regione. Montichiari ha un quantitativo di discariche pari a 80 ettari, un numero che fa subito capire quanto sia necessario introdurre in Lombardia e nel Piano Rifiuti Regionale l’Indice di saturazione. In altre parole si deve considerare che l’installazione di molteplici impianti di smaltimento rifiuti nello stesso territorio  è dannosa per la salute dei cittadini. Per questo credo che a Montichiari non devono essere autorizzate altre discariche. E’ importante inoltre che i Comuni dispongano in futuro più potere in materia ambientale sia in fase autorizzativa che in fase di compensazione, dando piena attuazione all’emendamento,  da me proposto e approvato dal Consiglio Regionale, che regolamenta la facoltà dei Sindaci di poter stipulare convenzioni con gli operatori ambientali, in modo da prevedere misure di ristoro per i disagi causati alle loro comunità dalla presenza di discariche o impianti di smaltimento.”

1 commento

  • Link al commento Edoardo Garzia Domenica, 03 Novembre 2013 07:16 inviato da Edoardo Garzia

    Sono completamente d'accordo che ogni comune deve avere "autorità" sulle zone dei rifiuti del proprio territorio, se non si comanda a casa propria, dove si deve farlo? Fatta questa premessa, sono anche convinto che ogni comune debba tenersi i "suoi" effettuare una educazione capillare per ogni singola famiglia, per ogni singolo individuo, della gestione dei propri rifiuti; anche perché se uno si prende il tempo (e visto che sono quelli personali LO DEVE) in quanto al secco non riciclabile, ne risulta veramente poco. Sono altresì profondamente convinto che la tipologia dei rifiuti (es. industriali, artigianali, commerciali ecc. ecc. debbano essere maggiormente tassati, ma i soldi devono essere impiegati dai comuni e dalle regioni per migliorare l'ambiente con interventi specifici e non dati a commissioni di studio, amici degli amici ecc. Sono anche profondamente convinto che scarti tossici tipo Eternit, fanghi ind.li ed altre cose simili, non devono essere a carico del cittadino, perché è lo stato che ha concesso il permesso di lavoro a queste aziende.

Lascia un commento

Contatti e social

  • Segreteria provinciale Lega Nord Brescia Via Cefalonia, 43

Fabio Rolfi

Nato a Brescia nel 1977 e residente a Brescia, è laureato in Economia. Svolge attività di consulente finanziario e attualmente è vice capogruppo Lega Nord Lega Lombarda in Regione Lombardia e da maggio 2016 Presidente della Commissione Sanità e politiche sociali.
leggi tutto