Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento ne acconsenti l'uso.

Approvo

Blog

Fabio Rolfi risponde alle dichiarazioni del Ministro Caldenda a Brescia: “Disperazione Pd, veri cialtroni coloro che hanno ridotto così il Paese”

Milano, 16 febbraio. “Sono vergognose le dichiarazioni del ministro Calenda che, nella sua tappa bresciana, ha definito ‘cialtrone’ il candidato Premier della Lega Salvini, dando di fatto lo stesso appellativo alle milioni di cittadini che votano il nostro partito.” 
Lo afferma Fabio Rolfi, Vice Capogruppo del Carroccio al Pirellone e candidato alle elezioni regionali del 4 di marzo.
“La disperazione del Pd - prosegue Rolfi - ormai consapevole della batosta imminente spinge a insultare l’avversario politico e gli elettori altrui, un atteggiamento tipico di quella sinistra cattocomunista che a Brescia conosciamo fin troppo bene. 
Se i cialtroni siamo noi, non riesco proprio a immaginare un aggettivo adatto per descrizione chi, dall’alto della sua spocchia e inettitudine, ha ridotto l’Italia nelle condizioni attuali: in uno stato difficoltà cronico, con un debito pubblico in continua crescita, con riforme farlocche esistenti solo sulla carta e, da ultimo ma non per importanza, con più di mezzo milione di immigrati irregolari che vivono alle sbaffo dei contribuenti, impoverendo tutti ma arricchendo pochi grandi approfittatori. Senza contare poi le migliaia di risparmiatori italiani truffati dalle banche degli amici di chi siede sugli scranni dello stesso Governo di cui Calenda si ‘onora’ di far parte. Eccoli i veri cialtroni: proprio coloro che oggi reagiscono stizziti - chiosa Fabio Rolfi - magari perché gli italiani, il prossimo 4 di marzo, gli presenteranno il conto dei danni causati in questi cinque anni.”

© 2018 Fabio Rolfi Official Site
Powered by JS Network Solutions