Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento ne acconsenti l'uso.

Approvo

Blog

Torre Cimabue Brescia, Rolfi risponde all’Assessore Fenaroli: "Situazione di degrado e insicurezza, disposti a portare Comune in Tribunale"

Milano, 23 gennaio. “L’Assessore Fenaroli racconta una realtà che non esiste: la Torre Cimabue rappresenta un problema di ordine sociale e di legalità, senza poi contare tutta la questione legata alla sicurezza della struttura.” Così Fabio Rolfi, vice capogruppo della Lega al Pirellone rispondendo alle dichiarazioni di Marco Fenaroli, assessore del Comune di Brescia alla casa.

“La Lega – spiega Fabio Rolfi – nelle settimane scorse ha documentato, attraverso le fotografie scattate durante un sopralluogo, lo stato di profondo degrado in cui versa la torre. Dal punto di vista strutturale la situazione è critica: manutenzioni carenti, mancanza del servizio anticendio in molti piani, aree intere ridotte a piccionaie sono la conseguenza di assegnazioni fatte senza criterio. Per non parlare poi delle scelte recenti, la cui responsabilità è anche della Loggia, di mettere nella torre degli aspiranti profughi, immigrati della cui identità, ed eventuali precedenti, non si sa assolutamente nulla. Inoltre, ed è forse la cosa più grave, è opportuno sottolineare come le istanze dei cittadini, riuniti in un comitato, siano state sistematicamente ignorate dall’Assessorato alla Casa del Comune, che date le premesse andrebbe ribattezzato ‘assessorato all’immigrazione’. Ciò detto auspico che la Loggia proceda in maniera rapida e concreta, possibilmente non soltanto a parola, con interventi che consentano ai tanti cittadini onesti che abitano la torre di poter vivere in condizioni dignitose, accettabili per gli standard di una città europea come Brescia e in sicurezza. Se questo non avverrà – conclude Fabio Rolfi – siamo disponibili a fare un esposto, portando l’ente proprietario, ovvero il Comune di Brescia, in tribunale.”


© 2018 Fabio Rolfi Official Site
Powered by JS Network Solutions