Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento ne acconsenti l'uso.

Approvo

Blog

Commissione, Rolfi: È ora di introdurre obbligo di indicare Paese di provenienza delle uova e degli ovoprodotti

“Oggi a Roma ho avanzato la proposta di attivare al più presto tutte le misure necessarie affinché sulle confezioni di uova e sulle confezioni di prodotti che abbiano l’uovo come ingrediente principale sia obbligatoriamente indicato il Paese di provenienza. Questo per difendere la scelta consapevole da parte del consumatore e valorizzare i prodotti italiani, molto apprezzati all’estero per la loro qualità ma purtroppo penalizzati sul mercato”. Lo ha detto Fabio Rolfi, assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi della Regione Lombardia, che oggi a Roma ha partecipato alla commissione politiche agricole della Conferenza delle Regioni

“All’estero vengono utilizzate sostanze chimiche che in Italia sono vietate. Lo scandalo del Fipronil è soltanto ultimo esempio a riguardo. È giusto dunque che i nostri prodotti siano etichettati in maniera chiara anche per difenderli da scandali internazionali che non li riguardano” aggiunge Rolfi.

“L’attuale normativa nazionale e comunitaria relativa alla etichettatura delle uova e degli ovoprodotti contiene lacune che vanno a discapito dei consumatori. L’indicazione del Paese di provenienza sulla confezione è infatti facoltativa. Qualcosa cambierà dal 2020, ma in maniera ancora troppo blanda. Chiediamo che l’etichettatura diventi obbligatoria” ha concluso Rolfi.


© 2018 Fabio Rolfi Official Site
Powered by JS Network Solutions